SAINT LAURENT FALL/WINTER 2016

Amato e odiato, di sicuro chiacchierato: Hedi Slimane da Saint Laurent non ha lasciato mai nulla al caso. Quello che è accaduto a Parigi durante la presentazione della Fall/Winter 2016 sa vagamente di testamento e addio.

Sin dal suo debutto con la Primavera/Estate 2013 il giudizio di pubblico e stampa sullo stilista parigino è sempre stato netto: sul fronte dei no tutti quelli che – a partire dalla scelta di eliminare Yves dal nome della griffe, rendendolo semplicemente un brand – credevano che la sua fosse solo una mossa di marketing; sul fronte dei sì, invece, tutti quelli che vedono molto di Slimane in Saint Laurent e molto di Saint Laurent in Slimane.

KIM_1437

La collezione presentata a Parigi è forse l’omaggio più compiuto che Slimane abbia mai reso al Monsieur Saint Laurent. Un incedere lento (e, stando a chi era presente, senza musica, ma con il solo accompagnamento della voce di Pierre Bergé che scandisce le uscite) che, modella dopo modella, riscopre i codici tanto cari al grande genio. Una silhouette rieditata che tiene conto del passato e ne fa tesoro.

KIM_2456

Lo smoking, i volant, le grandi e ingombranti pellicce: c’è tanto del padre in questa collezione. Una contemporaneità schiacciante ridisegna la figura delle donne, strizza la loro vite, accorcia i loro orli. Tutto questo è molto Slimane ma, ed è qui il passaggio fondamentale, anche e soprattutto Saint Laurent. A vegliare su ogni look c’è l’estetica skinny-youth (come l’ha definita Sarah Mower su Vogue.com) di Slimane, così presente eppure così defilata. Presente negli abiti attillati, presente nella magrezza sfacciata delle modelle, presente nelle scollature profonde che portano alla memoria le creazioni del grande couturier. Una donna consapevole, proprio come la voleva il Maestro, forte e sensuale che, mani sui fianchi, incede a grandi passi.

KIM_2337

Una liberazione, dunque. Finalmente il periodo di assestamento è finito, il ciclo si è compiuto e il testimone è stato raccolto. Gli anni che hanno separato le collezioni precedenti da questa sono stati solo un periodo di ricerca, probabilmente il percorso necessario per compiere la metamorfosi. Più couture e meno prodotto, più moda e meno stile.

Ogni abito, ogni giacca e ogni cintura grida il nome di Yves Saint Laurent e lo fa con la voce di Hedi Slimane. Il compromesso perfetto, il momento giusto per pensare al futuro della Maison.

Andrea Pesaola

77Denari, l’arte poetica del collant gioiello

77denari

Movimento inteso come mutazione, innestata dalla natura stessa, in ognuno di noi. Questo è il focus della collezione Autunno-Inverno 2015-16 di 77DENARI, la linea di collant in edizione limitata presentata lo scorso weekend a Roma presso SENSUMLab, il laboratorio fondato dalle designer Simona Berardi e Carla Armillei. «Ci siamo ispirate al premio Nobel per la fisica 2015, ai concetti di mutazione e incontro-scontro», racconta Simona. E ogni singolo elemento della collezione ne è la conferma.

77denari

Collant gioiello, passando a telaio, divengono un capo assolutamente pregiato, reso unico dall’artigianalità ispirata dalla visione grezza di elementi geometrici propri dell’istinto della Natura. Caratteristica che rende unici i pezzi della collezione è la stampa realizzata mediante serigrafia artigianale. Entrando all’interno di SENSUMLab si ha la piacevole sensazione di conoscere già il luogo, poeticamente suggestivo, e si ha la possibilità di toccare con mano il frutto di un prodotto artigianale direttamente nel luogo in cui viene creato, accompagnati dal racconto delle designer stesse.

77denari

E grazie alla collaborazione di altri artisti la presentazione diviene un vero e proprio percorso artistico che partendo dall’idea giunge all’opera prima. La collezione è accompagnata dalle istallazioni e dalle opere di Diego Labonia, Davide Dormino e Luciana Amapani che hanno supportato il progetto diventando parte integrante del processo creativo.

Silvia Vetere

NEW TALENTS | INTERVISTA ALLA STILISTA RUSSA SVETA

sveta

Bella, elegante e talentuosa, Sveta è una giovane designer russa di prêt à porter che ha mosso i primi passi nel mondo del fashion lavorando come modella. Ha sfilato per stilisti del calibro di Armani, Gianfranco Ferré e Alexander McQueen e ha posato per noti fotografi come Terry Richardson, Ellen von Unwerth e Greg Lotus, ma non ha mai dimenticato la sua vera essenza e il sogno di diventare stilista. Così, approfittando di un lavoro a Milano, ha deciso di perfezionare la sua formazione, iscrivendosi all’Istituto Marangoni. A luglio 2014 ha realizzato la sua prima collezione e da lì non si è più fermata. Continue Reading