Tra arte e gioielleria. La Bottega di Medusa

Diplomata in scenografia  all’Accademia di Belle Arti, dipartimento di G.Castelli, lavora come scenografa, art director e arredatrice nello spettacolo – dopo una lunga gavetta iniziata subito dopo la maturità artistica – e si occupa di arredamento di interni e allestimenti, con  Aiello TKP, e nell’arredamento negozi e allestimenti, con architetti , arredatori e designers. Costante è stata la volontà di sperimentare materiali e tecniche diverse, sia nel lavoro che per hobby, creando accessori moda, oggetti d’arredo e dedicandosi alla pittura. Nel 2009 quello che prima era un hobby diventa lavoro e nasce La Bottega di Medusa, con una decina di Collezioni che raccolgono oggetti creati in pezzi unici, con materiali e tecniche differenti.

DModa l’ha incontrata in occasione della sfilata ‘Come un Fiore’, di Sara Di Salvo per Hot!Couture.

Le tue creazioni, nella loro diversità, soddisfano stili molteplici (etnico, vintage, uncinetto, contemporaneo). Qual’è il primo materiale che hai utilizzato per i tuoi gioielli? E l’ultimo?

Mi piace lavorare con materiali differenti, abbinandoli applicando tecniche diverse, recuperando anche la tradizione del lavoro femminile, come il cucito, il crochet e il macramè. I primi materiali usati sono stati i fili metallici intrecciati con   perle e perline, i bottoni vintage e materiali recuperati da vecchia bigiotteria, campionari di stoffe e carta abiti vintage tendaggi. Mi piace l’idea che un oggetto possa avere una seconda vita, possiedo una nutrita collezione di bottoni vintage che acquisto anche con aste all’ultimo sangue su Internet e mi piace trasformare i materiali e gli oggetti per farli diventare altro. In questo modo tutto è in costante evoluzione, ogni oggetto è una sfida creativa e una nuova storia da raccontare. In più mi sento utile perché riesco a riciclare oggetti che altrimenti andrebbero perduti o gettati.

La ricerca dei materiali è anche sperimentazione dell’insolito. C’è un materiale che ancora non hai lavorato e che vorresti utilizzare?

Non ho mai utilizzato le paste polimeriche, comunemente conosciute con il loro nome commerciale, il fimo o il cernit, perché le ho sostituite con le resine a colaggio in stampo. Vorrei provare e non è detto che non lo farò!

Talenti che si incontrano per creare sinergie uniche e fresche. Le tue ultime creazioni, di ispirazioni floreale, sono nate dalla collaborazione con la giovane designer romana Sara Di Salvo. Cosa hai creato per l’occasione?

Quasi tutto per far sì che ogni oggetto fosse un tutt’uno con l’abito. Sara ha trovato le mie creazioni su Etsy, il portale di artigianato internazionale dove ho tre shops. La mia Collezione Vintage e Crazy Flower erano quelle che come stile si avvicinavano di più all’idea che Sara aveva in mente. Sono stata fortemente ispirata dai bozzetti che mi ha mostrato ed ho semplicemente iniziato a creare!

Quali saranno le novità delle tue prossime collezioni?

Alle Collezioni Vintage e Crazy Flower, in linea con i trends preannunciati per l’autunno inverno, si affiancherà una Collezione dedicata al “tessile” con tessuti ricamati, cordoni di seta, bottoni, ispirata alle arie dell’opera che si chiamerà HopEra, un gioco di parole tra opera ed Hope Era, nella speranza che ci possa essere un futuro migliore per le arti dello spettacolo, per le quali gli italiani sono conosciuti in tutto il mondo e per fare un omaggio al “bel canto” e al mio passato professionale di scenografa. E infine la nuova collezione Paper e Opera che trae ispirazione anche dall’opera pittorica di Stefano Mancini.

Dove potremo trovarle?

Potete trovare le mie creazioni in anteprima nella pagina dei Fans su Facebook. Qui si possono prenotare gli oggetti ed usufruire degli sconti riservati ai fans, per poi acquistarli in uno dei miei shops, raggruppati nel sito www.labottegadimedusa.com. Il sito è bilingue, le inserzioni sono sia in italiano che in inglese e i prezzi espressi in dollari. Nella pagina iniziale, si trovano anche i link agli shop italiani dedicati al crochet e agli accessori e allo shop dei materiali per creare.


Redazione

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *