Street Fashion dalla Milano Fashion Week 2010

Chiusa la settimana della moda milanese tra promossi e bocciati, come ogni anno ciò che rimane sono suggestioni, suggerimenti  e anticipazioni di ciò che sarà – piaccia o meno – la tendenza della prossima stagione calda.


La moda a Milano non è solo in passerella. Si respira ovunque, ai party esclusivi, agli ingressi dei fashion shows e nelle strade. Stradoni affollati ora da semplici turisti, ora da modelle mozzafiato, da microcelebrity più o meno in vista.

Il MFW è un grosso carrozzone di colori, di diplomazia, adulazione e seduzione. Ogni angolo del centro milanese è tirato a lucido per accogliere i massimi esponenti della moda. Stilisti, giornalisti, esperti, blogger, fashion victim, appassionati e curiosi.

Tutti affascinati dallo scintillio delle luci, da questa fantasmagoria convulsa di frange, pizzi, merletti, tacchi, borse, colori. Ognuno mostra a se stesso e a gli altri la propria merce. Ecco la scarpa tacchetteggiare tra la folla, ora un occhiale specchiarsi nel proprio riflesso, adesso la solidità di un ciuffo troneggiare su due spalle denim sparute e annodate.

Questa è la moda, in un sapiente mix di dettagli e di stili, di interpretazioni personali e di influenze extraterrene. Quest’anno le parole chiave saranno rigore e semplicità. Rigore senza esibizione e ridondanza delle scelte.

Semplicità per rispetto a ciò che è reale e che non può contemplare sfarzosità, opulenza e vizio. Un rispetto dei tempi senza tralasciare la creatività.

di Romina Toscano

Foto Marco D’Amico


Redazione

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *