La moda si fa “IN” strada…Il punto sulle novità di Milano Fashion Week 2010

“Umile” la discesa dalla scalinata del centro congressi di via Gattamelata, passeggia lungo le vie come un “sogno possibile”. In un “tacchettìo” deciso e vibrante di impressioni Andiamo Lontano Viaggiando nello showroom di Mr Alviero Martini che ci accompagna dentro ai suoi viaggi con la nuova collezione “Passport” di borse e lo fa rivelandoci le destinazioni dei suoi viaggi attraverso le stampe dei marchi da bollo aeroportuali autentici e coloratissimi.

“Nodosa” la sua “SAN.BA”la borsa che richiama la nota piazza milanese di San Babila, oltre che il suo amatissimo rifugio: Cuba. I materiali: nappa, pelle di bufalo e abrasivata, con microiniezioni del logo ALV; sui quali contrastano metallerie, tiralampo in rutenio e corda.

Morbidamente comoda la sua esploratrice, in un mix di sete e lini, crepe di viscosa, mussole, jersey extraleggeri, cotoni croccanti, impunture grafiche dominano su pull extra large , abiti, kaftani, top e gonne, ricami artigianali per giacche e pantaloni, maxi le tasche stile coloniale. Freschissima eleganza il match lime e grigio graffiato.

Capi versatili, assolutamente adattabili in base al proprio self-styling, riescono a trasformare una prima ballerina della Scala come Sabrina Brazzo, in una moderna “Sabrina” dell’omonimo film di Billy Wider.  A tutta “Classe”.  O semplicemente per un look anni ’70 o Safary.

Avventura anche per la donna grintosa di Alberto Guardiani, che diverte le sue donne con le sue scarpe-rossetto,  le fa assistere a una partita di tennis, partecipare al  Camel Trophy, salpare su una nave per raggiungere le medine  del Marocco. Mai stanche. Sempre di lusso.

And who is on next?? Altaroma in collaborazione con Vogue Italia per la ricerca di nuovi talenti nel pret-à-porter e negli accessori non ha dubbi per questa edizione: i nodi di Erkan çoruh, per la categoria abbigliamento; la combinazione di juta e vernice, le piume, i brillanti, gli strass, del Crazy Horse di Claudio Montias Milano e l’ispirazione fluo anni ’80 di Jerome C. Rousseau per la sezione accessori. Tutti ospitati a Palazzo Morando.

Altamente sensuale e esplosiva, la collezione dell’eterna  primavera in fiore e “in pizzo”  di Elisa Palomino. L’arte, la  ricercatezza di materiali tecnici e naturali, resistenti e scartabili, come il tyek e il lino organico in totale contraddizione per  Rosa Clandestino.

Colpisce la burrosità, quasi impalpabile delle polveri talcate nelle borse di Arnoldo Battois, che nascondono i manici di ottone dai richiami veneziani e si confondono con la flessuosità della nappa. Una certa rigidità invece per  il pitone cerato color rame metalizzato.

E poi è tempo di “White”..la più esclusiva rappresentazione top-secret delle tendenze che verranno. Solo un piccolo anticipo. Per ora. Provate a indovinare di cosa sono fatte queste borse di DALALEO , tra le più originali della prossima stagione.


di Anna Lisa Lombardi


Redazione

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *