Foulard Mania. Ossessione No season

La parola Foulard, dal francese fazzoletto di seta, oggi è più versatile. In commercio il panorama è vario sia per fibre che per prezzo, regalandoci ad ogni stagione innumerevoli variazioni sul tema.


Molto in voga negli anni sessanta non conosce tramonto. Diverse forme, diverse misure, ma soprattutto diversi modi di essere alla moda. Sembra un gioco di parole, ma quest’artistico quadrato di stoffa è in grado di segnare il tempo e di stupirci ogni volta.

Impossibile dimenticare le dive del passato che amavano indossarlo nella maniera più classica,  avvolgendolo delicatamente intorno al viso o annodandolo ai manici della loro Hermés.

La moda attuale però è andata oltre ed è riuscita a far incontrare pacificamente intorno al collo questo must con la più politicizzata delle sciarpe, la “kefiah”.

Il risultato fu notevolmente contemporaneo e cosmopolita ed invase la stagione precedente. Una Kefiah colorata e senza frontiere.

Il foulard nel 2010 non ha dunque confini geografici o temporali. Ha sdoganato qualsiasi stampa, colore e materiale e si presta ad altre rivisitazioni. Può essere romantico o vagamente folk. Fiorellini micro e macro, etnici cachemire e setose frange di viscosa.

La stagione attuale ha contaminato anche le sciarpe, per tradizione lanose ed intrecciate. Vivendo di luce riflessa si vestono oggi di nuovi colori e stampe, contribuendo insieme al foulard a regalare un’aria disinvolta anche alle outfit più austere.

A quanto pare, nonostante le passerelle suggeriscano di voltare pagina, la moda del foulard “buttato” intorno al collo per caso non cede e si manifesta in tutte le strade.

L’estate appena passata ha definito il nuovo foulard come l’accessorio più cool, da sfoggiare persino in spiaggia. Un classico che diventa unisex e permette anche agli uomini quel dettaglio in più, estroso e disinvolto.  Il risultato in ogni caso è sicuramente glamour & easy.

Servizio di Manuela Segimiro


Redazione

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *