La magia del weekend al Lanificio

Il Lanificio 159 è oramai diventato un luogo fondamentale nel panorama dell’esperienza artistico culturale della Capitale e roccaforte della sperimentazione. Questo weekend ha ospitato due eventi interessanti perché animati da due ben definite pulsioni: “The eco/female World” e l’ “Happy Sunday Market”.

Sabato infatti si sono aperte le porte del Lanificio all’evento “The eco/female World”organizzato da Female Cut. All’insegna del mondo delle creative donne, questo evento ha visto esporre all’interno dell’ex Lanificio designer e fotografe con l’elemento caratterizzante dell’ecologia. Dall’oggettistica per organizzare un matrimonio ecologico ai quadri realizzati con materiali riciclati, tutti hanno voluto mettere in evidenza la necessità di diffondere la cultura del rispetto del nostro pianeta. Presente anche Greenpeace con la messa in video sul maxi schermo del suo blitz all’ultimo Festival del Libro di Torino.Al piano terra dell’edificio a fare da padrone sono state Dali & Dinamite accompagnate dalle selezioni electro, house e deep techno delle dj resident De-Monique e Miz Kiara, e dalle visioni dell’artista romana C_horn.

Domenica invece si è inaugurato l’”Happy Sunday Market”. Non un mercatino come si è soliti trovare girando per la città, ma un non luogo, uno spazio dove esporre e soprattutto un momento, lungo tutta la domenica, per condividere atmosfere, gusti e suoni. Quello che si è respirato è stata energia vibrante di gente e di interesse. Un’armonizzazione tra ciò che si trovava sulle tavole da esposizione, l’edificio e il profumo delle persone che ha reso la prima domenica del mercatino al Lanificio159 un vero successo. Da abiti ad accessori, da macchine fotografiche analogiche a borsette con fantasie anni cinquanta, il panorama degli espositori è stato vasto e ben selezionato e il tutto condito con selezione musicale, brunch ed  aperitivo. Un’atmosfera metropolitana e aperta all’innovazione si è respirata domenica: dimostrazione che Roma si può svegliare.

Federica Rondino


Redazione DModa

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *