Talenti Dmoda. Tatiana Lazzaro

Giovani, creativi e con eccellenti curricula alle spalle. I nuovi talenti della moda conoscono bene la competizione, altissima, per essere ammessi nell’olimpo degli stilisti. Per questo motivo studiano, si impegnano, viaggiano, e i risultati si vedono.

Tatiana Lazzaro è una giovane designer italiana, allieva dell’istituto Marangoni di Milano. Ha lavorato per D&G e rappresentato la prestigiosa casa di moda al Salon International de la Lingerie, maturando esperienze professionali nelle grandi capitali della moda; ora vive a Londra, per dedicarsi alla sua vera passione: disegnare abiti.

Le sue creazioni mostrano il sapiente studio che c’e’ dietro ogni abito. Tatiana riesce ad unire la cura delle forme ad una sensibilità shabby chic e raffinata. Coniuga una grande attenzione per la plasticità dei volumi ad una passione particolare per il pizzo. Di sapore quasi ottocentesco, adorna miniabiti, bustini asimmetrici e top. Le linee sono semplici ma altamente strutturate: superfici piene, rouches e maniche a palloncino si alternano su gonne avvitate e leggings.

Atmosfera fiabesca, tinte neutre e delicate, pizzi, balze e decorazioni floreali: Tatiana Lazzaro veste cosi le sue giovani fate dei boschi, ragazze eteree e femminili, delicate come petali e leggere come una brezza. Le sue creazioni sembrano disegnate per una moderna dama bon ton, una donna dal gusto romantico che non rinuncia alla sensualita` di trasparenze e scollature, una sognatrice contemporanea che sappia mostrarsi seducente, pur conservando un angelico candore.

Altra costante, in linea con il trend del momento, sono le righe: da non perdere il miniabito asimmetrico, impreziosito da inserti in pizzo, che avvolge il corpo femminile in morbide pieghe voluminose. I suoi abiti sono perfetti per un cocktail party pomeridiano o per un ricevimento.

Quelli che mostriamo sono solo assaggi della vena artistica di una promettente stilista in continua evoluzione: noi di Dmoda vi consigliamo di tenerla d’occhio!

di Federica Italiano


Redazione

10 Comments

  1. Pingback: Richelle
  2. Pingback: sander
  3. Pingback: Khantelle
  4. Pingback: TadWinett
  5. Pingback: Matilde
  6. Pingback: Dehmer
  7. Pingback: Chantelle
  8. Pingback: Cenzing
  9. Pingback: Hehmer

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *