I più bei gioielli del 900’: un’esperienza da 24 carati


Immaginate un viaggio nello scinitillio dell’oro e del platino, sotto una pioggia di diamanti, zaffiri, smeraldi e rubini…  A scegliere di viverlo è stata Alba Cappellieri, esperta nel settore dell’alta gioielleria, nonché professore associato della facoltà di design del politecnico di Milano, responsabile del Laboratorio di Design del gioiello e Direttore del corso di Alto perfezionamento di Design del gioiello.

Ce lo racconta attraverso la sua opera “Gioielli del Novecento” edita Skira.

Non solo la magia di un un viaggio da 24 carati tra i pezzi migliori di tutto il 900’, ma anche l’analisi e i commenti  di una delle maggiori esperte del settore, sono questi gli elementi che rendono l’ultimo sforzo letterario della Cappellieri un’esperienza che vale la pena vivere.

Ma andiamo a sbirciare tra le pagine di questa bibbia del gioiello …

Guarda la Gallery

La lista dei nomi non poteva che essere oltre l’altisonanza, stiamo parlando di marchi che hanno segnato la storia del lusso:  Lalique, Vever, Fouquet, Cartier, Boucheron, Mario Buccellati, Fabergé, Van Cleef & Arpels, Bulgari, Tiffany&Co, Karl Lagerfeld e Vivienne Westwood, ma anche celebri artisti come l’onirico e visionario Salvador Dali.

Un viaggio che quindi spazia geograficamente dall’Europa all’otreoceano statunitense e stilisticamente dall’Art Nouveau fino al Surrealismo passando per l’Art Déco.

In un momento in cui la moda è ormai conquistata dalla globalizzazione ,dalle catene a basso prezzo e arresa davanti al tramonto della bottega artigiana, l’unicità del pezzo e il pregio dei materiali, la Cappellieri fa un regalo e noi, vecchi nostalgici dell’epoca d’oro della classe e dell’eleganza, onorando i grandi artisti che l’hanno resa tale, eterno modello di splendore e dolce vita.

Alla faccia dei radical chic e delle loro camicie a quadri.

di Giorgia De Nora


Redazione

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *