Fashion-able haiti. “We are working in creating sustainable jobs”

Fashion-Able Haiti


Ad un anno dal terremoto che ha colpito Port-au-Prince, Capitale dello Stato caraibico di Haiti, uccidendo oltre 300 mila persone, L’Ambasciata di Haiti in Italia promuove il Progetto Fashion-Able Haiti, col patrocinio del Comune di Roma e il sostegno di Belstaff, Stella Jean, Lincoln’s New York e Luigi Borbone e lancia una Campagna Sociale per la ripresa dell’Economia del paese anche attraverso la Moda.

«Un anno dopo questo terribile sisma che ha cambiato la vita di noi tutti haitiani, la vita riprende lentamente… e quale migliore mezzo per riprendersi, mantenere la propria dignità e costruire una nuova vita che quello di lavorare» come sostiene Géri Benoìt, Ambasciatore di Haiti in Italia «Auspichiamo, con questo programma concreto di creazione di posti di lavoro a lungo termine, di mettere insieme la creatività ed il savoir faire degli artisti e degli artigiani haitiani nei campi come la sartoria, la pittura, il pailletage… con il design italiano di fama mondiale e le tecnologie italiane.

Auspichiamo, attraverso il programma, di contribuire alla Rinascita di Haiti.

Nessun popolo meglio di quello Italiano può capire il concetto di Rinascita per aver ri-costruito Roma sulle proprie rovine, per aver dato al mondo intero i più grandi nomi della pittura del cinquecento senza dimenticare il Vaticano, capitale della fede cristiana. Questa stessa fede di cui si è sempre nutrito il popolo haitiano per attraversare numerose prove».

La Campagna, firmata dal Fotografo Marco D’Amico, è stata concepita per raccontare attraverso tre scatti evocativi, i differenti significati simbolici della cultura haitiana intrisi dello spiritualismo e del patrimonio artistico e artigianale caraibico. Tre stili simbolici adattati alla moda, con l’obiettivo di sensibilizzare le Maison di Moda italiane ad investire parte della produzione manifatturiera su Haiti per il mercato americano attraverso la Hope Bill (accordo USA-Haiti di esenzione dalle tasse) e cercare di risollevare, anche in tal modo, l’economia del Paese.

Adesso, l’aiuto per questa popolazione è solo l’assistenza. Il passo successivo è dare ai suoi abitanti un modo per guardare al futuro con la speranza del cambiamento attraverso il lavoro. E’ solo attraverso questo che sarà possibile la rinascita della nazione e la successiva indipendenza dagli attuali aiuti stranieri.


Campagna a cura dall’Ambasciata di Haiti in Italia

Con il Patrocinio del Comune di Roma

Media Partner DModa Magazine


Redazione

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *