Eventi Collaterali della Milano fashion week

Molti gli eventi che nella settimana della moda milanese hanno contributo a sottolineare la necissità di dare spazio ai nuovi talenti della moda nel made in Italy. DModa ha selezionato alcuni appuntamenti per i suoi lettori. Innanzitutto abbiamo visitato la mostra “Mestieri d’Arte, Moda d’Autore“.

Mostra dedicata alla lavorazione dei tessuti e alla carriera di Pino Grasso, noto ricamatore milanese. Antico e sapiente lavoro di precisione e creatività, quello del ricamatore è uno dei mestieri più fondamentali nella creazione dello stile eppure poco visibile all’occhio dei meno esperti.

Questa mostra vi porterà tra le pieghe dei tessuti più pregiati alla scoperta della tradizione italiana alla base delle più prestigiose collezioni delle maison nazionali.

Ancora la presentazione del libro di Maria Luisa Frisa “Una nuova moda italiana, ottimo volume dedicato alla nuova generazione dei designer, un gruppo misto, composito e ricco,  caratterizzato da un approccio rigoroso  alla moda. Una analisi per schede, curate da Angelo Flaccavento che archivia la nuova classe creativa e ne analizza i processi creativi e di stile.

Evento assolutamente interessante quello proposto allo store l’Arabesque, in largo Augusto 10.

Profumo di sfilate di alta moda, fruscio di abiti da sogno che nascondono etichette prestigiose. Un luogo sorprendente voluto da Chichi Meroni, un viaggio dagli anni ’30 ai ’60, attraverso i profumi, le immagini, i gioielli, i tessuti, gli arredi e le proposte editoriali introvabili.

Infine un appuntamento reale per una iniziatica legata al mondo virtuale della community online Business in Fashion. Davide Gambarotto,  ideatore e fondatore del portale ha presentato  al Luminal di Milano una selezione dei giovani designer emergenti che trovano nella rete e nella community luogo di incontro, di confronto e di relazione.

Ecco chi ha sfilato: Tatiana Lazzaro, Martina Frappi, Alessandra Carrer, Elisabetta Saccomani, Jennifer Di Benedetto, Davide Monaco, Dadhai, Tuder.


Redazione

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *