Milano Moda Uomo SS 2012. Trend report da Costume National, Prada, Jil Sander, Ferragamo

Ancora proposte per la prossima stagione primavera estate 2012. Ecco le scelte uomo di Costume National, Prada, Jil Sander e Ferragamo viste sulle passerelle milanesi.

COSTUME NATIONAL HOMME

Un pò Rockabilly un po’ metropolitano l’uomo proposto per Costume National da Ennio Capasa. Sperimentazione tecnologica per lo stilista che cede ai richiami futuristi dell’ultrasound, un laser che permette di fondere insieme i tessuti. Camicie attillate, colli abbottonatissimi dal sapore vintage, pantaloni comodi arrotolati in basso, così come gli short, mai sotto  il ginocchio. Mocassini bicolor, maxi borse a spalla, bag oversize.

Polvere, bianco e rosso peperone la palette di colori utilizzata, qualche accenno di nero per materiali leggeri che spaziano dalla viscosa al lino alla lana leggera.

PRADA

Immaginate di entrare in un salone dove, invece del freddo marmo o del cemento opaco al pavimento ,vi ritroviate sotto i piedi un soffice tappeto di fili d’erba. Ecco questa è la presentazione dell’uomo Prada 2012, che per la prossima primavera estate propone gli amanti dell’aria aperta, del golf, sport resi perfetti da completi minuti color grigio polvere e accessori bicolori. Troppo romantico? Bene, Miuccia Prada minimizza l’aspetto languido del pull cammello con pantaloni schock fluo floreali, camicie a manica corta con borchie dorate e strass bluette. Borchie anche sui profili delle giacche, sulle camicie in preziosi ricami, sulle borse e perfino sulle scarpe. Palette di colori che nei full color non tradiscono l’intento armonioso naturale, quindi polvere, burro, giallo sdrammatizzate dalle stampe di cui sopra. Tocco d’eleganza con gli accessori. Stringate multicolore, mocasiini, sacche da golf, cappelli con visiera.


JIL SANDER

Raf Simons presenta per Primavera estate 2012 un uomo nostalgico mediato dall’elettricità di tagli inediti. Vita alta per i pantaloni e gli  shorts, mini blazer morbidi, t-shirt over si accompagnano a camicie dai colli anni ’70, lavorazioni a tricot o crochet per una collezione dal forte sapore sartoriale. Palette di colori che non sconvolge sicuramente. Blu navy, moro, verde petrolio e immancabile nero. Aspetto anfibio per le proposte dell’uomo di Simons. Le scarpe danno invece un accenno di vitalità, stringate in pitone nei colori arancio, rosso e blu sembrano riflessi di una anguilla che scivola nell’oscurità profonde.


SALVATORE FERRAGAMO

Luce, brillantezza, aria. Questo quello che viene in mente guardando la collezione di Ferragamo per la prossima estate. Estremamente estivo, il nostro intellettuale di primo novecento immerso in un ambiente creativo e stimolante, amante del viaggio, delle scoperte, quasi pronto ad esplorare con una cartina in mano cosa c’è al di là della siepe. Il riflesso della leggerezza nelle giacche e nei completi di lino color burro, nelle camicie di seta grezza panna, nei grigi polvere delle canotte, nelle pelli trattate per le maxi borse da viaggio. Cinture in pelle delavè e scamosciate, sciarpe, cravatte, tutte rigorosamente in tinta, qualche stampa in riflesso. Cappello di raffia sulla testa, espadrillas ai piedi, atteggiamento rilassato, sul patio di una casa colonica, a godere della vista della propria piantagione di cotone.


Redazione

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *