UN ABITO SU MISURA? MEGLIO DEL “RITOCCHINO DEL CHIRURGO”

ADDIO LAST MINUTE DEL BISTURI PRIMA DELL’ESTATE. LE DONNE SI AFFIDANO ALLE MANI DEL SARTO

Per molti è arrivato il momento di dire addio al ritocchino e alla chirurgia estetica last minute prima dell’estate. La nuova tendenza per valorizzare il proprio corpo, le forme e attenuarne i difetti,  è l’abito sartoriale cucito interamente a mano.A sostenerlo, Pino Peluso, titolare dell’omonima sartoria che si tramanda da 4 generazioni: “Sempre più spesso, mie clienti non più giovanissime, stanno riscoprendo il fascino dell’abito sartoriale e la capacità che può avere un vestito su misura nel valorizzare la bellezza di una donna e il suo corpo con grande eleganza e stile. Se pensiamo che alcune delle più belle attrici degli anni ’60, come Audrey Hepburn o Grace Kelly, o anche una first lady come Jackline Kennedy non muovevano un dito senza i loro sarti ,  ci rendiamo conto di quanto fosse indispensabile, anche per donne così stupende, il ruolo di un sarto per valorizzare il proprio corpo”.

Viva le curve e a morte gli stereotipi di bellezza, una donna ben vestita, con un tailleur su misura o un abito da sera in lungo, è unica  e inconfondibile anche nelle sue imperfezioni.  “Forse – prosegue Peluso – le donne stanno riscoprendo anche un modo di raccontare la propria bellezza in modo naturale che non stravolga la propria unicità. Le signore che si rivolgono al mio atelier mi chiedono vestiti perfetti per valorizzare il proprio corpo perché vogliono sentirsi ancora belle ed attraenti ma non finte e ridicole. Una mia cliente non più giovanissima dopo un lungo ponte trascorso tra  Capri e Montecarlo mi ha raccontato di aver fatto innamorare una seconda volta suo marito con gli abiti nuovi che le avevo appena confezionato. Complici le sere d’estate, forse, ma quei tagli d’abito al punto giusto, quei movimenti di tessuto, quei tallieur cuciti addosso, le hanno regalato un sex appeal e una magia imparagonabili anche ad un seno rifatto e da ventenne, riscuotendo successo anche con l’uomo che ha accanto da 30 anni”.


Insomma voi che pensavate di dovervi ridurre a pane e acqua per la prova costume o addirittura per rientrare entro un abito di qualche anno fa, rallegratevi…il tempo dei bisturi è finito arriva l’abito adatto alle proprie rotondità.


Redazione