Lancôme e Kate Winslet. Ovvero la cosmesi a fin di bene

Cos’è, in fondo, un bacio? È un apostrofo rosa tra le parole t’amo, diceva Cyrano. Lancôme e Kate Winslet, testimonial della maison da ormai quattro anni, prendono nota e sposano la filosofia dello spadaccino di Bergerac. Come? Ideando una collezione di make up in edizione limitata, a sostegno della Golden Hat Foundation , associazione fondata dalla celebre attrice per sostenere la lotta contro l’autismo. Come dire: non esiste gesto d’amore più autentico di un bacio, se dato con il giusto rossetto.

La collezione, disponibile a partire da questo mese, reinterpreta il celebre L’Absolu Rouge, declinandolo in cinque nuovissime e sofisticate nuance. Accanto al noto ever green, anche quattro smalti, in altrettante tonalità di rosa, e una cipria illuminante compatta.

La limited edition aiuterà i piccoli pazienti con un versamento di almeno 150 mila euro, cifra minima che la casa francese si è impegnata a donare alla fondazione sugli utili delle vendite. “Kate Winslet incarna la femminilità Lancôme nel modo più generoso e responsabile possibile”, ha dichiarato Youcef Nabi, Presidente di Lancôme International. “I valori di altruismo sono fondamentali per la Maison Lancôme ed è dunque stato naturale per noi accompagnare e sostenere Kate e la Golden Hat Foundation”.

Dal sito della fondazione, la Winslet enuncia il credo della sua missione: “Penso che tutte le persone affette da autismo dovrebbero avere l’opportunità di imparare a comunicare, di ricevere un’adeguata educazione accademica e di costruire relazioni sociali. Soltanto così possono vivere davvero una vita pregna di significato”.

A sostegno dell’iniziativa benefica, verrà inoltre pubblicato un libro, “The Golden Hat”, raccolta di un centinaio di scatti di personaggi del mondo del cinema e dall’arte, tutti ritratti con indosso il cappello simbolo dell’associazione.

Giulia Carrarini


Redazione