DISPOSABLE: Wayne Maser formato “usa e getta”

Ancora poche ore per visitare Disposable: l’anteprima mondiale dello stimato ritrattista e fotografo di moda Wayne Maser, pensata in tutto e per tutto “for the people”.

Una monografica che sa di lui, di quel Wayne Maser celatamente avverso al mondo accademico, all’autocelebrazione, esplicitamente allergico alla scena, ai doveri dell’uomo pubblico, refrattario infine alla catalogazione dei suoi lavori in un archivio.disposable-wayne-maser

Frammenti recuperati “al momento” o “nel momento” quindi, forse a caso, chi lo sa. La mostra curata da Susi Billingsley e Cecile Leroy, in collaborazione con AltaRoma, sembra esaltare l’istante e l’usabilità di soggetto e oggetto nell’arte fotografica in ogni singola scelta. La disponibilità del contenitore si traduce in disponibilità del contenuto; da una parte il medium scelto, la “butcher paper” inglese (carta da macelleria), e dall’altra il soggetto, la nudità, vanità, atto avvenuto, catturato e passato. Disposable lo sono anche il formato gigante 2.25 x 1.25, la stampa in fotocopia su macchine industriali, l’azione di donare agli ospiti le foto in mostra e, ovviamente, l’evento stesso di sole 100 ore.

Il messaggio, è certamente chiaro!

di Silvia Costa


Redazione