Arrivano i giochi da tavolo firmati Prada

Una parola d’ordine: essere fashion. Nasce così la linea di giochi da tavolo firmata dalla maison di moda Prada.

Si tratta di un elegante cofanetto in pelle Saffiano che racchiude tre giochi da tavolo per eccellenza – la dama, il backgammon e gli scacchi – rivisitati in una chiave lussuosa che li trasforma in originalissimi oggetti di design da collezionare.

Potremmo chiamarli anche giochi di Prada per gli amanti del lusso, non solo per l’eleganza dei loro preziosi abbinamenti di materiali, ma anche perché il loro prezzo – circa 2000 euro per ciascun set – non è certo accessibile a tutti.

L’ultima geniale idea della casa di moda milanese è insomma un nuovo accessorio per pochi fortunati, appassionati di giochi da tavolo, ma anche di design innovativi.

Ma andiamo a vedere più nel dettaglio i tre set. Per la dama, Prada ha scelto il rosso e il nero e preziose pedine di metallo; per il backgammon, un equilibrato ma vivace tappeto a tre colori, bianco rosso e nero; infine per gli scacchi, la maison ha scelto come materiale primario il cristallo e come abbinamento cromatico il classico “bianco e nero”.

Oggetti accattivanti e – potremmo dire – “multiuso”: con il set di giochi griffati Prada si può infatti, a seconda delle occasioni, giocare e divertirsi con stile, ma anche arredare casa con stile. Prada ha pensato anche agli appassionati di carte, firmando due diversi eleganti kit, contenenti due o tre mazzi, block notes e matita. Il tutto per “soli” 370 euro.

Da sempre sinonimo di stile e di classe, Prada ancora una volta “ha fatto centro” proponendo questi nuovi oggetti glamour e confermando, peraltro, la tendenza generale delle case di moda di rivestire di charme e lusso gli oggetti più svariati, rendendoli veri e propri tesori di design.

Oggi si può essere fashion in ogni momento della giornata, con gli asciugamani Pierre Cardin, i piatti firmati Versace, i mobili per la casa di Fendi. E naturalmente, anche e soprattutto con i lussuosi giochi da tavolo di Prada.


Redazione