London Fashion Week. E’ tempo di debutti

Dall’esordio come designer della discussa pop star Rihanna al debutto di Tom Ford nella Capitale britannica.

La staffetta della moda è passata dalla Grande Mela a Londra. Qui, un calendario ricco di novità, che sta già rivelandosi un vero trionfo.
Apre la fashion week Perer Pilotto, con una collezione altamente scenografica. Un successo meritatissimo per abiti-scultura dai tagli asimmetrici e dalle stampe very chic. Spicca su tutto l’abito-farfalla, particolarissimo nei tagli e nelle decorazioni. Cromie suggestive e ardite, abiti quasi da sacerdotesse. Grande personalità.

Peter Pilotto

Peter Pilotto

Peter Pilotto

Peter Pilotto


Dalle polemiche sulla sua vita privata ai successi discografici, Rihanna si butta nel fashion design, con la sua prima collezione, disegnata per River Island. Fedele a se stessa e al suo stile, certamente non minimal, la pop star si è attirata critiche tutt’altro che entusiastiche. Della serie, basta che se ne parli.

L'Wren Scott

L'Wren Scott

L’Wren Scott, la svettante compagna di Mick Jagger, già amatissima da star del calibro di Nicole Kidman e Penelope Cruz, ci porta in un mood rurale e campestre, condito di pietre preziose ed elementi rockettari. Capelli cotonati, tessuti jacquards e preziosissimi broccati la fanno da padrone, sotto gli occhi di Anna Wintour e del sempre giovane Mick.

Daks

Daks

Mood british da Daks, in una collezione super chic, vagamente retro.

Matthew Williamson

Matthew Williamson

Matthew Williamson ci accompagna in una full immersion antropologica: un tripudio di colore, suggestive stampe e grande fantasia, per una collezione dedicata al tema del viaggio.

Tom Ford

Tom Ford

Attesissimo Tom Ford, che sceglie Londra per il suo ritorno.
Sperimentazione, grande attenzione per lo street style, la capitale britannica si conferma crocevia di un nuovo stile, più che mai attuale e proiettato al futuro.
So far, uno a zero per Londra.

di Chiara Caputo


Redazione