Who is on next. Intervista a Quattromani. La second skin della moda

604175_309571339146704_512471402_n

Quattromani di Massimo Noli e Nicola Frau è tra i finalisti di Who’s on next 2013, la vetrina più importante per i giovani talenti allestita da AltaRoma in collaborazione con Vogue Italia, che decreterà il vincitore il prossimo 8 luglio. La collezione selezionata, Second Skin, racconta attraverso i capi proposti il mondo del brand sardo: linee geometriche, color blocking, estremo rigore formale. Tre elementi imprescindibili, che si fondono con un secondo livello concettuale ancor più dettagliato, dal retrogusto student, fatto di contaminazione di genere e focus sull’accessorio, non più appendice dell’abito, ma nota stilistica, didascalia che accompagna e spiega il tono di quanto si sta indossando.
Second Skin è attenzione maniacale per il dettaglio, amore per il colore; è continuità col passato e sperimentazione insieme, grazie all’uso di materiali innovativi come il neoprene e il raso tecnico, arricchiti da dettagli piramidali 3D e maxi paillettes in carbonio o fibra di vetro. Il tutto in un gioco di sovrapposizioni architettate per conferire un rigore quasi scultoreo ai capi. Si può raccontare attraverso questa collezione il mondo di oggi, stretto nella morsa della crisi economica. Ci interessa capire se la moda è complice di una crisi asfissiante o se invece, dopo aver fatto mea culpa su un ventennio abbondante di sfarzi e guadagni stratosferici, abbia capito e ridimensionato il proprio ruolo di arbiter elegantiae.

Un ritrovato e rinnovato rigore salverà la moda? Lo abbiamo chiesto a Massimo e Nicola, fieri sostenitori di un minimalismo che emoziona e racconta molto a chi sa interpretarlo.

Second Skin è una collezione sincera, che rispecchia un modo di lavorare, vivere e pensare ben preciso. Come raccontereste tutto questo?

Second Skin è stata la parte più introspettiva di noi, appunto una seconda pelle, quella che all’apparenza non si vede ma è la parte più intima. Ci siamo sentiti sin da subito di esternare un lato più vero di noi, un lato giocoso ma preso seriamente.

  Il tratto che contraddistingue Second Skin e in generale il mondo Quattromani è la sperimentazione materica. In un particolare momento come quello che stiamo vivendo, fatto di austerità e rigore economico, quant’è ancora possibile sperimentare?

Sperimentare per noi è la base del nostro lavoro. Proviamo, testiamo, tocchiamo ogni giorno nuovi materiali e nuovi modi di lavorare. Ci piace vedere sempre cose nuove e diverse, miscelare la nostra semplice curiosità al nostro lavoro. E’ difficile sperimentare, soprattutto di questi tempi, ma sappiamo che senza sperimentazione non esisterebbe il nostro mondo.

Qual è secondo voi il ruolo sociale che la moda può (o deve) ricoprire in questo particolare momento storico?

 La moda in questo monento di grigiore economico e sociale dovrebbe ancor di più sventolare i suoi colori. Siamo in Italia e il “Made in Italy” nel mondo è sinonimo di creatività e perfezione, per questo deve ricoprire un ruolo più autorevole nella nostra società.

 quattromani alcantara

Quattromani per Alcantara, Who is on next – Preview

Personalmente, c’è stato un momento in cui avete creduto di non farcela? Un momento in cui vi siete sentiti oppressi dalla crisi?

Ogni giorno sfidiamo la crisi, è sempre una battaglia,  ma siamo creativi e cerchiamo in ogni modo di sconfiggerla. Il nostro lavoro ci permette di inventare, creare, avvicinarci alla gente. Noi cerchiamo sempre di dare il massimo ma con un budget per le nostre clienti “crisi friendly”.

Andrea Pesaola


Redazione