La settimana della moda di New York si rinnova: sedi più moderne e meno imbucati a febbraio

138092399MH021_Seen_Around_

Dal prossimo febbraio, fashion blogger, fotografi di streetstyle e quei patiti di moda pronti a tutto per essere immortalati col vestito più stravagante, dovranno farsi da parte. A quanto pare durante le sfilate di New York non ci sarà più spazio per loro. La Mercedes-Benz Fashion Week, infatti, per l’appuntamento fissato dal 6 al 13 febbraio, oltre ad avere location per gli show più moderne avrà anche meno imbucati. E’ stato pronosticato che la lista dei media accreditati sarà tagliata del 20% circa.

Si tratta di un programma di rinnovamento messo in atto da Img che risponde alle molteplici sollecitazioni giunte da designer e addetti ai lavori. Molti dei cambiamenti in vista sono stati decisi da un sondaggio fatto dall’organizzazione in forma anonima, per avere un feedback da parte degli operatori. E’ risultato che l’evento che ogni sei mesi va in scena nella Grande Mela è diventato troppo affollato da persone che non hanno veri legami con il fashion business. Inoltre, le sedi e il format degli show sono parsi un po’ datati e i costi per affittare gli spazi, secondo gli stilisti, in alcuni casi, eccessivamente alti.

Dunque, si è cercato di ridurre i costi e di attuare un’operazione di restyling di due sale del Lincoln Center: la Theater verrà ristrutturata in termini di apparecchiature luce e suono e ampliata nel backstage, la Salon, precedentemente chiamata Stage, sarà dotata di soli 500 posti a sedere per sfilate più contenute. Saranno, inoltre, introdotte due location alternative, di cui una esterna ma collegata a questa struttura tramite un servizio navette. Infine, The Hub at Hudson sarà un nuovo contenitore di talenti presso l’Hudson Hotel, a pochi isolati dal Lincoln Center, adatto alle esigenze degli stilisti emergenti che potranno anche presentare le loro collezioni online. I loro fashion show verranno trasmessi in streaming sul sito della Mercedes Benz Fashion Week.

Mara Franzese


Redazione DModa