Pitti sostiene i nuovi talenti: Casamadre e Super Duper Hats alla giornata inaugurale

super duper pitti

casamadre

Si è aperto all’insegna dei nuovi talenti Pitti Uomo 85. La giornata inaugurale della manifestazione fiorentina, infatti, ha visto protagonisti i vincitori ex equo della quinta edizione del concorso Who is on Next?, Casamadre e SuperDuper Hats.

Un circo d’altri tempi, ancorato agli anni 30, un’atmosfera surreale in una girandola di emozioni per gli spettatori che hanno assistito presso la Limonaia di Villa Vittoria alla presentazione della nuova collezione di scarpe del marchio Casamadre formato dai due designer calabresi, David Parisi e Alessia Creauna. In una dimensione onirica fatta di clown e acrobati, artisti che vivono insieme come una grande famiglia itinerante unita indissolubilmente da un legame profondo, proprio come il duo di Casamadre, sono state presentate le calzature per uomo e per donna che, attraverso allacciature rapide e complicate fasciature, sembra rimandino inesorabilmente anch’esse al mondo circense e al contorsionismo. Forme scolpite, zeppe alte e cinturini per le scarpe da donna, suole spesse per quelle da uomo. I pellami ripercorrono le sfumature del nero, del verde scurissimo e del blu notte con macchie bianche o gialle.casamadre pitti super duper pitti 2

La nuova collezione SuperDuper Hats per il prossimo autunno inverno 2014 2015, invece, continua sul filo rosso del precedente lavoro e allarga gli orizzonti. Non più solo la figura dell’hobo, il vagabondo che saltava sui treni della scorsa collezione, ma operai che lavorano allineando i binari in costruzione dandosi il ritmo cantando, stavolta. Protagonisti della collezione di cappelli dei tre giovani designer di Super Duper Hats, Matteo Gioili, Veronica e Ilaria Cornacchini, diventano, dunque,  i Gandy Dancers in una performance ‘cantata’ dal vivo da 30 modelli presso l’ex Dogana per riportare alla luce il fascino di quei feltri dall’aspetto vissuto, consumati dal sole e dal lavoro ma testimoni di quei canti di libertà.

Mara Franzese


Redazione DModa