Pitti Uomo 85 tra moda e musica

pitti 2

pitti 2

La moda maschile italiana debutta come ogni anno a Firenze e questo 2014 lo fa all’insegna della musica. Parte il Pitti Uomo 85, uno degli eventi più attesi nel calendario della moda. Fino al 10 gennaio, su una superficie di 59mila metri quadrati si succederanno le presentazioni delle più importanti aziende di menswear con le collezioni di 1.047 marchi, cui si andranno ad aggiungere le 73 collezioni donna del Pitti W. Rock me Pitti è il tema di quest’anno per sottolineare quel legame che c’è tra moda e musica che sempre più spesso insieme si completano e integrano. Performance, installazioni, immagini che guardano al mondo musicale, per quattro intensi giorni, animeranno l’intero salone, dagli stand ai padiglioni fino al Piazzale Centrale della Fortezza da Basso. “Con Rock me Pitti – afferma Agostino Poletto, vice-direttore generale di Pitti Immagine – Pitti introduce idealmente una monetina dentro un luccicante jukebox che produce suoni, parole e immagini, idee, spettacolo ed emozioni, business e creatività. Per fare con la musica quello che da sempre fa con la moda: scegliere il meglio, il più nuovo, il più interessante e rileggerlo con il suo stile, offrendo una dimensione di piacere e intrattenimento ai suoi visitatori”. Riflettori puntati, dunque, sulla città toscana che, due volte l’anno, – gennaio e giugno – si trasforma in capitale d’eccezione della ricerca fashion più aggiornata nel comparto uomo, dal nuovo artigianato al supporto ai giovani talenti. Ampio spazio, inoltre, in questa edizione, sarà dato all’internazionalità: numerose le partecipazioni estere – quasi il 40% delle aziende, da oltre 30 paesi – e molteplici i buyer in rappresentanza di tutti i negozi e i department store più importanti al mondo. Grande attesa, poi, per Diesel Black Gold disegnata da Andreas Melbostad, ospite d’eccezione che sfilerà domani alla Stazione Leopolda.

Mara Franzese

 


Redazione DModa