LA STORIA DI ALBA, LA COIFFEUSE DELLE DIVE, RACCONTATA DA CARLA PILOLLI

unnamed (12)

Acconciature architettoniche, trecce e chignon, one of a kind, opere irripetibili destinate a durare un solo giorno. A realizzarle, Alba Armillei, la coiffeuse romana più in voga del secolo scorso. E a raccontarcele la giornalista Carla Pilolli che ha voluto racchiudere e fermare nel tempo i ricordi di un’esistenza dedicata ai capelli, vissuta con le mani tra le chiome delle donne più importanti, da Audrey Hepburn a Jacqueline Kennedy, dall’Imperatrice Soraya alla regina Federica di Grecia, fino ad arrivare alle mannequin delle sfilate di Alta Moda di Valentino Garavani, Irene Galitzine e Emilio Pucci, dei quali la parrucchiera è stata per tanti anni collaboratrice. Il risultato? Un libro intimo ed emozionante dal titolo “Ho preso la vita per i capelli” (135 pagine, Palombi Editore).

Ideato da Leontina Pallavicino e da Beatrice Rebecchini e realizzato grazie alla Fondazione Nando e a quella Elsa Peretti, il volume è stato presentato, nella mattinata di giovedì 20 novembre, a Palazzo Torlonia, proprio a pochi passi da via dei Condotti, dove era situato il noto atelier della parrucchiera dalle mani d’oro.

unnamed (9)

“Sono stata trascinata da questa storia che parte da quando Alba era bambina – ha raccontato la Pilolli durante l’incontro di presentazione. – E ho voluto farne un libro, un libro in cui si cela la forza del lavoro”. Ma non solo. Nel libro, infatti, si racconta la grande bellezza, Roma, i suoi fasti, la sfilata degli svariati personaggi che hanno popolato la città eterna in più di mezzo secolo di vita elegante.

E poi i retroscena, quelli che nessuno racconta, l’altra faccia della medaglia. Non solo luci e splendori, anche ombre, segreti e miserie del mondo glamour emergono tra le pagine pungenti e dolci al contempo del volume. Personaggi eccentrici, talvolta infimi, attrici capricciose, dame arroganti, modelle inquiete, miliardari insoddisfatti, principi depressi incontrati nel corso di una vita vissuta tra salotti e passerelle.

Pillole di vita e racconti conturbanti, dunque, che si alternano a immagini che arricchiscono il lavoro editoriale. E tra gli scatti delle più belle pettinature realizzate da Alba e delle donne più influenti dell’epoca da lei pettinate, anche quelli della modella Verushka che, arrivata appositamente da Berlino per riabbracciare la sua hair stylist e amica, è intervenuta all’incontro. “Alba è il più bel ricordo degli anni in cui ho vissuto a Roma. – ha detto – Avevo fiducia solo in lei. Nessun altro poteva mettermi le mani nei capelli”.

Mara Franzese


Redazione DModa