NORWAY FOCUS | Contaminazioni e dialoghi interdisciplinari

rp_10952682_1412868072345277_1815932800_n.jpg

E’ la Norvegia il tema principale della mostra NERO NOTTE e della serie di eventi che hanno preso vita a partire dallo scorso venerdì 6 Febbraio, presso gli spazi della galleria Giacomo Guidi a Roma. L’esposizione ha coinvolto l’artista norvegese Per Barclay, con un’istallazione ambientale e una selezione di fotografie di grande formato riflesse in uno specchio nero d’acqua e olio.

10615476_864998383542762_7190169069711417359_n

Il progetto fotografico Found Photos in Detroit ha presentato, nelle esatte condizioni in cui sono state ritrovate, una serie di fotografie autentiche che ritraggono e denunciano le condizioni di degrado in cui riversava la città di Detroit dopo la crisi che l’ha colpita negli anni Settanta.

10252063_864998010209466_6620820778167230418_n

In mostra anche la collettiva fotografica Obiecta a cura di Angela Madesani con una serie di still life realizzati da Massimiliano Gatti, Leonardo Genovese, Bohnchang Koo, Ingar Krauss, Laura Letinsky, Marco Palmieri, Sergio Scabar e Franco Vimercati.

1374826_864998013542799_6683203360868050614_n

Lungo il corridoio un altro wall painting dell’artista olandese Jan van der Ploeg è stato creato per animare il passaggio con una serie di triangoli colorati. E, infine, l’Alchemy Room, uno spazio espositivo permanente all’interno del quale è possibile entrare in contatto con il mondo Alchemy, progetto di ricerca artistica e musicale, che esprime sotto forma visiva un mondo interiore e notturno fatto di clubbing e ispirazioni esoteriche e naturalistiche. La serata è proseguita presso il teatro Quirinetta con l’after show del dj norvegese Bjørn Torske. Ma la lista di eventi NORWAY FOCUS è ancora lunga.

983853_864998040209463_4210549271853142675_n

Qualcosa di realmente nuovo sta accadendo negli spazi in Largo Cristina di Svezia a Roma. Qualcosa che richiama gli anni Sessanta e Settanta, una factory bianchissima dove le diverse espressioni artistiche hanno la possibilità di dialogare, grazie a BOA | Bunker of Arts, associazione culturale che vive in osmosi con la galleria. La ricerca e la creazione di affinità e connessioni interdisciplinari saranno il focus di BOA e dei tanti appuntamenti che vedranno coinvolte arte, moda, musica, design, cinema, food.

Samira Vicinanza


Redazione DModa