PREMIO LVMH 2015: VINCE MARQUES’ ALMEIDA

4-635x635

Sono Marta Marques e Paulo Almeida, fondatori del brand Marques’Almeida, i vincitori della seconda edizione dell’LVMH Young Fashion Designer Prize.

Premiato per “l’abilità tecnica e l’approccio originale nell’uso del colore e della texture” come ha spiegato Delphine Arnault, Vice-Presidente esecutivo di Louis Vuitton e ideatrice del Premio, il duo portoghese ha battuto la concorrenza e si è aggiudicato 300 mila euro più il sostegno per un anno, finalizzato allo sviluppo del business del marchio.

Ma la giuria, a sorpresa, ha deciso di premiare anche Simon Porte di Jacquemus. Al designer francese 150 mila euro e lo stesso supporto di mentoring di Marques’Almeida.

Il premio per i giovani talenti è stato consegnato ai vincitori presso la Fondazione Louis Vuitton dall’attrice Natalie Portman.

Otto i finalisti: oltre ai vincitori, Arthur Arbesser, designer austriaco con sede a Milano, Coperni di Sébastien Meyer e Arnaud Vaillant, designer francesi con sede a Parigi, Craig Green, stilista inglese con sede a Londra, Faustine Steinmetz, creativo francese con sede a Londra, Off-White ovvero Virgilio Abloh, stilista americano con sede a Milano, e Vetements, brand fondato da Demna Gvasali, designer tedesca con sede a Parigi.

A valutarli una giuria d’eccezione presieduta da Delphine Arnault e composta da Jean-Paul Claverie, consigliere di Bernard Arnault, e Pierre-Yves Roussel, Presidente e Amministratore Delegato del Gruppo Fashion LVMH, oltre che dai nove direttori creativi delle più importanti case di moda appartenenti alla holding: JW Anderson (Loewe), Nicolas Ghesquière (Louis Vuitton), Marc Jacobs (Marc Jacobs), Karl Lagerfeld (Fendi), Humberto Leon e Carol Lim (Kenzo), Phoebe Philo (Céline), Raf Simons (Dior), Riccardo Tisci (Givenchy).

“I designer che hanno partecipato al Premio LVMH 2015 ci hanno veramente sorpreso e impressionato per la loro diversità, le loro idee e il grande entusiasmo. – ha dichiarato Delphine Arnault – Anche se molto giovani, sono tutti di grande talento”.

I 10 mila euro del Graduate Prize, – che include anche un anno di esperienza nel gruppo LVMH – infine, sono andati a Mattu Bovan e Gabriel Castro della Central Saint Martins e a Josh Dean della Kingston University che lavoreranno rispettivamente da Louis Vuitton, Kenzo e Dior.

LVMH, inoltre, ha deciso di rinforzare il suo impegno per i designer emergenti premiando anche le due scuole londinesi con un importo in denaro.

Mara Franzese


Redazione DModa