“BENEVENTO IN MODA 2015″| ECCO I VINCITORI DEL CONTEST CHE SOSTIENE I “GIOVANI STILISTI”

Copertina

Fare la moda in Italia da Roma in giù? Pura utopia. Eppure tanti sono i giovani talenti provenienti proprio dalle terre del sud, costretti il più delle volte a partire, lasciare tutto, armati di bagagli carichi di speranze, per seguire la loro buona stella e provare a realizzare quel sogno nel cassetto che nella propria città sarebbe rimasto chiuso a chiave probabilmente per sempre. Se poi la città, è una piccola città della Campania e i tempi sono quelli di austerità economica di oggi, allora diventa anche tutto più difficile.

C’è però chi crede fortemente di poter trovare la chiave giusta per aprire quel cassetto. Ed è così, con queste premesse, che nasce “Benevento in Moda”. Un evento, ideato e diretto dal fotografo sannita Giovanni Di Dio, partorito per sostenere e promuovere i designer del domani.

BiM

Giunta ormai alla sua quarta edizione, la kermesse, fedele alla sua mission, domenica 20 settembre, ha acceso nuovamente i riflettori sugli stilisti emergenti. La soirée, presentata dall’ex Miss Italia Denny Mendez insieme ad Enzo Costanza, stavolta, ha accolto diciotto designer, otto dei quali giunti nella città delle streghe per partecipare all’edizione 2015 del contest “Giovani Stilisti”.

Gli aspiranti designer si sono sfidati a colpi di chiffon, paillette e broccati di fronte ad una giuria tecnica, presieduta dal couturier di Pompei, Nino Lettieri. Ospite d’onore della serata, lo stilista campano ha anche onorato il catwalk sannita sfilando con la sua primavera estate 2015, già presentata lo scorso gennaio ad AltaRoma.

Contest Giovani Stilisti

La collezione – che trae ispirazione da una figura geometrica ricavata da un mosaico dell’antica città di Pompei, dove ha sede la sua maison – in un gioco costante di pieni e vuoti, con tessuti traforati a laser e una palette cromatica giocata interamente sul bianco e nero, tra capispalla stile kimono in mikado e pantaloni garçon, veste una donna audace, dinamica e contemporanea.

E a sfilare anche un altro giurato, il couturier toscano Graziano Amadori, che ha presentato una collezione ricca di contaminazioni tra passato e presente.

Insieme, i due, alla fine della serata, hanno annunciato il nome del vincitore del concorso. Si tratta della russa Ekaterina Maryshkova che con i suoi capi – particolarmente apprezzati per la tecnica utilizzata nei tagli – ha avuto la meglio su Maria Grazia Madau, Annamaria Renzulli, Carmelo Natale Mazzuca, Elisa Gigliotti e Giovanni Cirillo.

Vincitrice

La giuria però ha deciso di premiare anche Stefano Montarone per la ricerca d’avanguardia dei materiali utilizzati: il giovane pugliese ha inaspettatamente coniugato nella sua collezione chiffon, pelle e pvc.

Ma non sono stati solo i capi dei giurati e dei concorrenti del contest a sfilare. Le mannequin, – coreografate dal regista di moda Pio Pinto e truccate dallo staff Gil Cagné – hanno indossato i capi di altri otto giovani stilisti.

 

Hanno calcato la passerella:

Jaison Brown, talentuoso fashion designer, originario dell’India, che si è fatto notare per i suoi velluti e broccati verde smeraldo. Tra giacche e capispalla, la collezione “Russian Dolly” ha un unico fil rouge: le bambole russe.

Annalisa Di Lazzaro Couture, designer calabrese che, in un tripudio di pizzi scuri, drappeggi e ricami, ha esaltato la figura di Ofelia, modello di eleganza e ribellione femminile, nella sua ultima collezione.

Annamaria Patronella, stilista in erba che si è lasciata ispirare dalle fanciulle in fiore del mare e delle sorgenti per la collezione Couture 2016 “Ninfe Innamorate”.

Queen Moda, esponente della moda positanese che per il 2016 ha proposto una collezione capace di fondere linee fluide, lavorazioni a mano e cura del dettaglio a un’idea di femminilità e lusso autentici.

Falko Rosso, azienda sannita specializzata nel menswear che ha mostrato l’autunno inverno 2015-16 in vendita nel suo store.

Andrea Perrino, giovane stilista pugliese che ha presentato la collezione “Nature’s Beauty” il cui concept ci parla di purezza, leggerezza, eleganza.

Rocco Genco, stilista di Altamura che, in un tripudio di rose, ha portato in passerella una donna elegante e romantica.

Daniela Moretti, jewelry designer lucana che, fedele ai valori di semplicità, estro e eleganza propri del brand, ha esaltato gli abiti con i suoi gioielli.

Infine, Claudia De Micco, artista napoletana fondatrice del brand Kla Klight Art-Design, per l’occasione, ha realizzato una scultura ritraente il Teatro Romano di Benevento. Un pensiero per sottolineare l’importanza storica e culturale della città che è stato consegnato al vincitore del concorso e a tutti gli ospiti dell’evento.

Jaison Brown

 

Mara Franzese

WHITE GENNAIO: TUTTE LE NOVITA’

White Milano

Più spazio, più sperimentazione, nuove collaborazioni, tante novità previste per la prossima edizione del salone di ricerca White che andrà in scena dal 17 al 19 gennaio a Milano. D’altronde la manifestazione in mostra nelle location di via Tortona ha nel proprio dna l’innovazione, come ha sottolineato il patron Massimiliano Bizzi.

La crescita dell’appuntamento con la creatività ha reso necessaria l’espansione dell’ex Ansaldo. In quest’area debutterà la sezione WOW 0.15, con uno special brand mix studiato da White in tandem in collaborazione con il magazine di moda e lifestyle, con base a Berlino e New York, Highsnobiety.

E proprio in via Tortona 54 verranno realizzati shooting fotografici degli outfit e degli accessori più di tendenza, da postare in tempo reale sui siti e sui social dei due partner.

Special guest di White Gennaio sarà, inoltre, lo stilista Maurizio Pecoraro che presenterà la sua collezione donna.

In uno speciale spazio del salone, poi, sarà esposta la collezione KG, distribuita da Falconeri nei migliori multimarca italiani. E una retrospettiva sulla storia dell’azienda sarà dedicata a Faliero Sarti con i suoi venti anni d’esperienza nel settore delle sciarpe Made in Italy.

White Milano

Attesissimo l’evento organizzato da Slam Jam, distributore di abbigliamento fondato a Ferrara da Luca Benini, per celebrare i suoi primi 25 anni. Saranno ospitati, per l’occasione, artisti londinesi provenienti dal mondo della moda, della fotografia e della musica.

Insomma tanti nuovi spunti per il White che si conferma una vetrina internazionale della moda contemporary, ma anche un punto di riferimento culturale per giovani stilisti, designer emergenti e talentuosi artisti che nel Salone di via Tortona trovano una preziosa rampa di lancio.

Mara Franzese

I DESIGNER EMERGENTI PROTAGONISTI A DUBAI

A model walks the runway during the Vogue Fashion Dubai Experience at Dubai Mall on October 10, 2013 in Dubai, United Arab Emirates.

“La moda comunica con un linguaggio universale. – ha affermato Franca Sozzani, direttore di Vogue Italia - In questo contesto abbiamo pensato che presentare il lavoro di giovani talenti sia il modo migliore per aprirsi a nuovi orizzonti, per far circolare nuove energie nel sistema e gettare lo sguardo verso il futuro”. E infatti protagonisti assoluti della Vogue Fashion Dubai Experience, andata in scena dal 30 ottobre al 1 novembre, sono stati proprio gli stilisti in erba.

Ventotto i fashion designer emergenti internazionali che hanno preso parte alla kermesse: venti sono stati ospitati in uno showcase nella Ballroom dell’Armani Hotel, i restanti otto, invece, selezionati da Vogue Italia, hanno sfilato all’interno del Dubai Mall. Tra di loro, oltre agli italiani Stella Jean, Piccione.Piccione e Charline De Luca, anche nomi provenienti dal Medio Oriente come la label N°3 Design, fondata nel 2012 dal duo creativo proveniente dagli Emirati Arabi, Bushra Badri e Amira Al Khaja, o Shamsa Alabbar che ha presentato i suoi gioielli ispirati alla tradizionale calligrafia araba.

La settimana della moda degli Emirati, organizzata da Emaar, gestore del Dubai Mall, in partnership con la nota rivista di moda italiana, si è dimostrata dunque più che mai attenta ai marchi emergenti. “In un sistema in così rapida evoluzione, il contributo dato da eventi come la Vfde è fondamentale. – ha sottolineato Mohamed Alabba – La città ha voglia di capire e di imparare, di costruire il proprio domani”. E sicuramente l’evento, giunto alla sua seconda edizione, è un segno tangibile dell’impegno e della volontà di Dubai di diventare il centro della moda e del design nel Middle East.

Protagonisti della tre giorni dedicata al fashion anche stilisti e imprenditori di spicco del panorama moda. Da Roberto Cavalli a Philipp Plein, da Alberta Ferretti a Peter Dundas, tutti hanno partecipato ad un incontro col pubblico per raccontare il proprio modo di fare moda. Evento clou della fashion week, una cena di gala che, presieduta dalla Principessa Haya Janet, ha visto tra gli ospiti illustri molte personalità del fashion system come Maria Grazia Chiuri e Pier Paolo Piccioli, direttori creativi di Valentino, Massimo Giorgetti di MSGM e Andrea Incontri.

Mara Franzese

NEW TALENTS| INTERVISTA A LARA DE BAENST

LARA DE BAENST

LARA DE BAENST«C’è un mito, alcuni dicono una scienza, che suggerisce che le persone con il volto più simmetrico siano considerate più “attraenti”». Ed è partita proprio da qui la belga Lara de Baenst per disegnare la sua collezione autunno inverno 2014-15. Diplomatasi di recente al Polimoda, la neostilista si è lasciata ispirare dalla visione sulla “perfezione” dell’artista Julian Wolkenstein con lo scopo di creare una superficie rigida e tridimensionale per dar vita a una nuova silhouette femminile. Il risultato? Echoism, una collezione che, attraverso la sperimentazione dei tessuti, ridisegna nuovi volumi e proporzioni creando la stessa armonia in tutti gli outfit. Un trionfo di eleganza e femminilità, nonostante le linee geometriche e i materiali rigidi. La promettente designer, fresca di diploma, ha tutte le carte in regola per ambire ad una brillante carriera. Si è già fatta notare e siamo sicuri che presto sentiremo parlare di lei. Nel frattempo vi raccontiamo la sua moda e i suoi progetti per il futuro. Continue Reading

Svelati i vincitori del Concorso Internazionale di Moda “Micol Fontana 2013″

image

La città eterna sostiene i giovani e non arresta la sua caccia al talento. A mettere in vetrina la creatività degli emergenti, stavolta, il Concorso Internazionale di ModaMicol Fontana 2013‘ che, proprio qualche giorno fa, nella cornice dell’Auditorium del MAXXI, Museo nazionale delle arti del XXI secolo, in Via Guido Reni a Roma, ha annunciato i vincitori. Organizzato sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, con il Patrocinio del Consiglio Regionale del Lazio, di Roma Capitale e di AltaRoma, l’evento ha celebrato i 100 anni della stilista italiana. La giuria, dopo aver analizzato le creazioni di 440 designer provenienti da tutte le parti del mondo e selezionato i 20 finalisti, martedì 20 maggio, ha svelato i nomi dei vincitori. Continue Reading