Milano Moda Uomo | Da Gucci a MSGM tra tendenze boho-chic ed eleganza casual

gucci1

Le ultime due giornate di sfilate meneghine possono riassumersi sotto una sola parola: Gucci. Una collezione preparata in sette giorni, dopo l’addio anticipato di Frida Giannini, dal suo braccio destro Alessandro Michele. Un uomo nuovo, decisamente lontano dalla silhouette Gucci a cui siamo abituati: un look romantico, vagamente 70’s, che attinge dal guardaroba femminile in fatto di lunghezze e materiali. Il pizzo delle t-shirt spunta dai pull corti, i pantaloni palazzo si fanno morbidi e i capispalla si accendono di colori decisi e forti. Il floral delle camicie incontra, inaspettatamente, i motivi rigorosi degli abiti asciutti. Un’anticipazione del Gucci che sarà? Probabile.

fendi1

Un uomo boho-chic che non perde di vista le peculiarità che da sempre ne delineano lo stile, è quello sceso in passerella da Fendi: il velluto incontra la pelle, materiale da sempre caro a Silvia Venturini Fendi. I capispalla sono preziosi: il montone si alterna alla pelle dei trench stretti in vita, sapientemente posti sui morbidi maglioni effetto dégradé. Gli accessori attingono dall’universo street e spaziano dai comodi zaini alle capienti borse weekend.

canali1
Decisamente più formale e rigorosa è la proposta di Andrea Pompilio per Canali. Il doppiopetto dei cappotti la fa da padrone, insieme alle righe e alle stampe grafiche. Non c’è spazio per il casual, tutto è un crescendo di eleganza silenziosa: gli smoking dal taglio classico con dettagli in raso ne sono la testimonianza.

msgm1

Chiude la nostra carrellata milanese MSGM. Giorgetti propone il più classico dei guardaroba maschili. Tutti i capi essenziali sono presenti: cappotti, giacche denim, cinquetasche, comode felpe e camicie. La silhouette è quella cara al marchio, aderente e ben strutturata. Più che su lunghezze e volumi, la collezione si sviluppa attorno a pattern e stampe: animalier e vaghe eco spaziali sono il punto di forza dei dettagli che fanno la differenza.

Andrea Pesaola

Milano Moda Uomo | La formalità retrò incontra i volumi dello sportswear

Ermenegildo-Zegbn

Ad eccezione delle celebrazioni per i vent’anni di Dsquared ², con tanto di sfilata annessa tra pellicce e denim, le passerelle milanesi prendono ufficialmente il via sabato 17 gennaio. In mattinata Ermenegildo Zegna,  sotto la direzione creativa di Stefano Pilati, ci dà un’idea chiara dell’uomo per il prossimo inverno.
Non è il solo, infatti, a tracciare un identikit chiaro e definito dello stile maschile che ci attende: una silhouette che abbandona lo skinny per affidarsi a volumi e forme morbide, come già anticipato dalle passerelle di Londra.

Continue Reading

London Men’s Fashion Week | Sulle passerelle pop attitude, color block e artigianalità

prorsum

Si sono spenti i riflettori su Londra. Un compito non facile il suo: inaugurare l’anno della moda maschile, prima di Milano e del colosso Parigi. Come se non bastasse, a complicare le cose ci si è messo anche un certo signor Galliano con il suo debutto per Artisanal di Maison Martin Margiela. Continue Reading

MILANO MODA UOMO TRA NEW ENTRY E GRANDI ASSENZE

milano-moda-uomo-638x425

Il 2015 è appena cominciato e si prospetta anche questo un anno molto intenso per il fashion system. È tutto già pronto e si parte con la moda uomo che dal 17 al 20 gennaio animerà la città meneghina con sfilate e presentazioni delle collezioni dedicate al prossimo autunno inverno. In passerella oltre 40 brand per una quattro giorni all’insegna del fashion maschile.

Il calendario di Milano Moda Uomo si arricchisce di nuovi nomi: tra questi Marcelo Burlon County of Milan che farà il suo debutto di stagione proprio nella capitale della moda. Tra le novità, inoltre, le sfilate di Stella Jean, Christian Pellizzari e il ritorno in pedana di Brioni previsto per il 19 gennaio alle ore 20. Tra gli assenti, invece, Z Zegna e Iceberg, che rinunciano al catwalk per una presentazione, e Andrea Incontri che trasloca a Firenze per un evento.

“La fashion week milanese conferma il suo primato – ha dichiarato Jane Reeve, amministratore delegato di CNMI – con un calendario forte, ben calibrato tra nomi prestigiosi di fama internazionale e altri nuovi che hanno scelto le passerelle di Milano per presentare le loro collezioni”.

La kermesse sarà inaugurata, come sempre, da Corneliani e Ermenegildo Zegna. Non resta, dunque, che attendere qualche giorno per scoprire cosa gli stilisti hanno pensato per la moda menswear fall winter 2015/2016.

Mara Franzese