A.I. ARTISANAL INTELLIGENCE – CREATIVE CRIME

598_16030

Il Fashion Hub di Altaroma è stato inaugurato da A.I. Artisanal Intelligence, progetto curato da Clara Tosi Pamphili e Alessio de’Navasques, che quest’anno ha raccontato le storie di 100 tra artisti, artigiani e designer che hanno partecipato nelle scorse 10 edizioni, presentandoli come criminali schedati, fotografati e archiviati dopo averli “interrogati”.

598_16025

A.I. Creative Crime è stato, infatti, il titolo scelto per la mostra allestita nelle sale del palazzo delle Esposizioni, per fare un fondamentale bilancio sul lavoro fatto, sulla situazione di chi oltre che creare deve essere imprenditore di se stesso. Un lavoro di ricerca importante frutto dell’osservazione di un territorio non solo nazionale. Lo spazio è stato diviso in due, l’archivio antologico con l’allestimento di una selezione dei pezzi più significativi e le schede di tutti i partecipanti nei cinque anni di attività del progetto, e davanti i nuovi designer presentati nell’edizione di quest’anno.

Tra le nuove storie i cappelli scenografici ed ironici di Ilariusss creati da Ilaria Soncini,  l’eleganza, la portabilità e la leggerezza degli abiti di Lieke Pansters, le clutch da uomo ispirate alla cultura pop di Michele Chiocciolini, le camicie di Silvia Bergomi per Naugy, la collezione di gioielli di Luigi Borbone e i tessuti di Pierre-Louis Mascia, illustratore e designer francese.

Martina Briotti

50/50 selected artworks | La Street Art in mostra a Roma

rp_10358279_1421032658166073_369211720_n.jpg

Fino al 15 Maggio 2014 gli spazi polifunzionali di Visiva – La città dell’immagine ospiteranno “50/50 selected artworks“, progetto dedicato al fenomeno della Street art curato da Jessica Stewart e Rub Kandy. In mostra le produzioni di trenta tra i talenti più interessanti della scena internazionale, esponenti di quella che oggi non solo è considerata una corrente entrata a pieno titolo nel circuito dell’arte “ufficiale”, ma che costituisce un vero e proprio strumento di comunicazione – fatto di idee e linguaggi innovativi – assimilato sempre più spesso anche dal mondo della pubblicità e del marketing.

50-50-selected-artists-roma-street-art
Tra i protagonisti dell’esposizione Alice Pasquini, visual artist nota al grande pubblico soprattutto per i suoi murales realizzati in città quali Sydney, Brest, New York, Barcellona, Parigi, Copenaghen, Londra e Roma; il brasiliano Alex Senna che indaga la sfera delle relazioni umane attraverso composizioni monocromatiche permeate da elementi fumettistici e segni universali come cuori, note musicali e palloncini; Mateus Bailon e il suo universo visionario e composito particolarmente apprezzato nella scena londinese; il designer romano Fabio Milito che attraverso la rielaborazione di simboli e “loghi comuni” esprime una personale e dissacrante visione della società odierna.

Marilina Curci

Visiva – La Città dell’Immagine
via Assisi 117, Roma
info@visiva.infowww.visiva.info
Dal Lunedì al Venerdì | ore 11 – 19
Sabato e Domenica su appuntamento

La moda italiana in mostra a Londra

victoria-albert-museum-the-glamour-of-italian-fashion-ok

Dal 5 aprile al 27 luglio sarà celebrata a Londra la moda italiana. Al Victoria & Albert Museum andrà in scena “The Glamour of Italian Fashion 1945-2014” per ripercorrere le tappe più importanti della storia della moda di casa nostra, dalla Sala Bianca di Palazzo Pitti fino a oggi. La mostra, sponsorizzata da Bulgari, vuole essere un vero e proprio omaggio all’eccellenza del Made in Italy e al fascino indiscutibile dell’Italian style.

Un centinaio i pezzi esposti, tra abiti e accessori, raccolti negli ultimi cinque anni di intenso lavoro al progetto. Attraverso fotografie, bozzetti e creazioni torneranno a vivere anni passati, stilisti perduti.

victoria-albert-museum-the-glamour-of-italian-fashion-mostra

Naturalmente, i riflettori saranno puntati sui grandi nomi come Prada, Valentino, Versace o Gucci, ma ampio spazio sarà dedicato anche ai nuovi talenti.

A tal proposito, la curatrice della mostra, Sonnet Stanfill, ha dichiarato: “La moda a Milano si sta muovendo molto bene. Potrebbe continuare ciò che sta già facendo con successo, cioè arricchire il suo calendario con nomi giovani e meno affermati”.

Mara Franzese