Who Is On Next? 2015 | I vincitori

wion

Grande era l’attesa per l’undicesima edizione di Who is on Next?, il progetto di fashion scouting dedicato ai giovani talenti della moda Made in Italy, ideato e realizzato da Altaroma in collaborazione con Vogue Italia. Cambio di location – i 5 finalisti hanno sfilato infatti lunedì 13 luglio all’interno del Palazzo delle Esposizioni – ma non di intenti: prosegue infatti il percorso votato alla ricerca di una sempre crescente qualità, premiando l’impegno, la determinazione e le personali capacità espressive.

Lee Wood, designer inglese di L72, è stato premiato da Franca Sozzani, Editor in Chief di Vogue Italia, vincendo nella categoria abbigliamento donna, grazie alla sua ricerca di stile che non ama oltrepassare i limiti. Tra gli altri finalisti Blazè, Luca Sciascia, Giuseppe di Morabito e Miaoran.

Due i vincitori invece nella categoria accessori: Nicolò Beretta, designer di Giannico, per lo shoewear e Lolita Lorenzo di Carol Oyekunle con le sue borse che riprendono l’heritage Africano. Hanno trionfato su una rosa di finalisti composta da Alexander White, Avanblanc, Bams e Catherine De’ Medici 1533.

Martina Briotti

ICEBERG: ARTHUR ARBESSER NUOVO DIRETTORE CREATIVO

Arthur Arbesser

“Iceberg significa colore, grafica, qualità e ironia, tratti distintivi che ho sempre ricercato e che condivido. Sono onorato di continuare la bellissima storia di questo iconico brand italiano, che ormai prosegue da più di 40 anni”. Queste le parole di Arthur Arbesser che, a partire dalla primavera estate 2016, sarà il nuovo direttore creativo della linea womenswear di Iceberg.

Lo stilista 33enne, vincitore dell’edizione 2013 di Who Is On Next?, il progetto di scouting di AltaRoma e Vogue Italia per la promozione di nuovi talenti, è uno dei giovani designer più promettenti del panorama fashion contemporaneo. Austriaco di nascita ma italiano d’adozione (vive e lavora a Milano), Arbesser, lo scorso maggio, è stato anche tra i finalisti dell’LVMH Prize.

Un periodo particolarmente interessante, dunque, per il creativo, che a settembre debutterà nel suo nuovo ruolo, calcando la passerella di Milano Moda Donna con la collezione spring summer 2016 del marchio che fa capo a Gilmar.

Fondato nel 1974, d’altronde, il brand “si è contraddistinto, da sempre, per la ricerca, le nuove tendenze e lo scouting di giovani creativi” come ha sottolineato Paolo Gerani, patron di Iceberg. “Arthur – ha proseguito – incarna al tempo stesso il DNA del brand e l’artigianalità del Made in Italy”.

In bocca al lupo al talentuoso stilista, dunque. E appuntamento a settembre con la sua prima sfilata per Iceberg.

Mara Franzese

ALTAROMA 2015 | Quattromani FW 15-16

q5

Torna sulla passerella di AltaRoma Quattromani, già finalista della nona edizione di Who is on next?, la culla dello scouting di moda firmato AltaRomaVogue Italia. Torna e non se ne va a mani vuote il duo di designer sardi: Massimo Noli e Nicola Frau ricevono infatti una speciale menzione per il ready to wear.

q6

Da sempre legato indissolubilmente alla propria terra, Quattromani per la collezione Autunno Inverno 2015/2016 racconta la storia delle Janas, le piccole fate tessitrici della leggenda sarda. Uscita dopo uscita va in scena il mito e la sacralità epica dell’entroterra dell’isola: la maglieria è la prima protagonista, declinata su shirt, body slim e pantaloni svasati, incrostata con inserti eco-fur e finiture lurex a righe bicolor. I tagli sono lineari e le forme asciutte e dritte: un revival seventies che combina la ricchezza materica ad un approccio tutto sperimentale.

q3

La morbidezza si insinua nei capispalla e avvolge il poncho in lana merinos ma non stride con la lavorazione spigata delle giacche e delle gonne pantalone. I cappotti e i bomber sono tecnici: tessuti stretch abbracciano texture tradizionali, come la gabardine, il cotone e la lana. La femminilità la fa da padrone nei minidress, nelle culotte e nelle mini gonne in cavallino e rete. Le stampe sono realizzate dalla visual artist Le Fille Bertha: piccole Janas si posano sulle camicie e sui maxi dress, come un portafortuna. La palette cromatica vira dal bianco della lana al rosa, lilla e cammello, non mancando di sprazzi purpurei. Ombrati i blu e i neri.

q2

Una collezione che si completa di accessori fondamentali: non decoro, non vezzo, ma vero e proprio elemento funzionale alla vita del capo e alla sua silhouette, che da sempre per Noli e Frau è bidimensionale e prende vita e forma nel momento in cui si indossa l’abito.

Ancora una volta Quattromani racconta una storia, aggregando significati e definizioni inedite di stile, non mancando di volgere lo sguardo alla tradizione che li ha resi estremamente contemporanei.

Andrea Pesaola

ALTAROMA 2015: PROJECT149 A/I 2015-16

project149-1-medium

Sperimentazione, ispirazione galaxy, echi di matrice sportiva. Sono questi i motivi guida a fare da fil rouge alla nuova collezione di Project149. Il brand di Elisa Vigilante e Monica Mignone, finalista dell’edizione 2014 di “Who Is On Next?“, calca la passerella di AltaRoma con un autunno inverno 15-16 votato ad un intenso lavoro di ricerca. Continue Reading

ALTAROMA 2015: DAIZY SHELY A/I 2015-16

alta-moda-roma-006-daizy-shely-2-keAI--329x439@IoDonna

Malinconia e teatralità. Sulla passerella di Daizy Shely sfila una donna Pierrot, ridisegnata in chiave moderna da ampi volumi e linee importanti. La giovane designer, originaria di Tel Aviv, già vincitrice della decima edizione di Who Is On Next?, il concorso di scouting per nuovi stilisti, ha portato sulla passerella di AltaRoma un autunno inverno 2015-16 dominato dai contrasti.

daizy-shely-altaroma-altamoda-2

Aliza Shalali Deizy, infatti, conferma il suo gusto per l’antitesi e accosta dettagli in pelle dall’allure rock a leggeri e romantici macramé, rigido pvc alle delicate e morbide piume, a lei tanto care. Pois, popeline candido e frange nere ornano le sue creazioni.

Il bianco e il nero si rendono protagonisti di grafiche floreali. La dicotomia è accesa da violenti inserti di colore. Tonalità esplosive come il rosso lacca, il viola profondo e il verde militare si combinano a nuance delicate come l’azzurro chiarissimo che dona un tocco di luce alla prossima stagione fredda.

Mara Franzese